Catanzaro, mare inquinato. De Magistris: “Nuovi scarichi abusivi, serve depurazione efficiente”

9
AMBIENTE. Catanzaro, mare inquinato, Luigi De Magistris: “Nuovi scarichi abusivi nei fiumi, bisogna costruire con urgenza un impianto di depurazione efficiente”
“Il meraviglioso mare calabrese non può essere sempre a rischio inquinamento a causa del pessimo sistema di depurazione, che presenta grosse falle, sia sul Tirreno sia sullo Jonio.
I Carabinieri forestali di Catanzaro hanno sequestrato il depuratore consortile di Soverato, in località Pasquali che serve alcuni comuni del circondario. È stato accertato come dall’impianto venivano scaricati reflui fognari e liquami misti a fanghi non depurati, nel fosso Petrella, affluente del torrente Beltrame. Si tratta di una zona di rilevante importanza paesaggistica.
Di recente, già Goletta Verde aveva ammonito la Regione Calabria su alcuni punti gravemente inquinati lungo le coste. Bisogna intervenire subito per risolvere il problema del corretto collettamento di tutta la rete fognaria, non è pensabile che vi siano scarichi abusivi che inquinano i torrenti e arrivano a mare portando liquami e sostanze che inficiano la qualità delle acque. La politica regionale negli ultimi venti anni ha sperperato e inquinato un fiume immenso di denaro pubblico destinato alla depurazione delle acque”.
Lo afferma Luigi De Magistris, candidato presidente alla Regione Calabria.