Corsa ai compiti delle vacanze last minute, promossi i “ritardatari”

di Margherita Lopes

Fonte: Adnkronos

Ultimi giorni di studio matto e disperatissimo per milioni di studenti italiani, alle prese con i compiti delle vacanze prima del ritorno sui banchi. E se qualcuno, previdente come la formica di Esopo, ha ‘chiuso la pratica’ tra giugno e luglio, “in circa 4 milioni si sono trascinati il lavoro, centellinandolo almeno in parte fino a settembre”. Parola del pediatra Italo Farnetani, docente della Libera università degli Studi di scienze umane e tecnologiche di Malta, che per l’Adnkronos Salute ha realizzato una stima sulla situazione ‘compiti delle vacanze‘ relativa agli alunni dai 7 ai 18 anni. “In circa 150 mila – assicura Farnetani – finiranno per non farli affatto”.

Un po’ a sorpresa il pediatra – da anni fiero sostenitore dell’inutilità dei compiti delle vacanze, che per lui andrebbero aboliti – ‘boccia’ le formichine: “Sono 2 milioni gli alunni che si sono liberati del peso dei compiti subito dopo la fine della scuola o comunque entro il mese di luglio, rinunciando al tempo libero con gli amici, al relax e all’attività fisica per stressarsi sui libri e quaderni. Forse sono quelli che hanno ottenuto meno dai compiti estivi, in quanto si sono abituati a farli in modo demotivato. Inoltre ora avranno dimenticato tutto, o quasi: non potranno giovare nemmeno dell‘effetto ripasso“.

Circa 250 mila tra bambini e adolescenti hanno invece concentrato tutti i compiti a settembre: sono le vere ‘cicale’, ma secondo il pediatra “sono anche gli studenti che hanno fatto la scelta migliore: si sono goduti le vacanze, sono arrivati riposati e allegri a settembre, e questi compiti fatti nell’imminenza dell’inizio dell’anno scolastico serviranno loro come ripasso efficace, un ‘riscaldamento‘ prima di tornare fra i banchi, che però a mio parere andrebbe piuttosto concentrato nelle prime settimane di scuola”.

“Nello stesso tempo le ‘cicale’ ottempereranno comunque ai doveri scolastici, pur se ingiusti e immotivati, assegnati dagli insegnanti. Consideriamo infatti che in 150.000 arriveranno invece a scuola senza aver svolto i compiti delle vacanze”. Qualcuno copierà, qualcun altro confiderà nei mancati controlli di maestri e professori. “Un altro errore – conclude Farnetani – perché gli alunni diligenti saranno penalizzati. Se i compiti delle vacanze vengono assegnati – è il messaggio agli insegnanti – poi vanno controllari. Piuttosto il mio invito è rivolto ai ragazzi che sanno di aver accumulato lacune: sfruttate questi ultimi giorni per colmarle, prima di iniziare un altro anno scolastico in salita”, conclude.