Cosenza, “Perdere il Comune” (di Sergio Crocco)

Sull’aria di “Perdere l’amore” (di Massimo Ranieri, canzone vincitrice del Festival di Sanremo 1988), sono in molti a Cosenza a canticchiare in queste ore la parodia “Perdere il Comune” con il testo di Sergio Crocco.

PERDERE IL COMUNE

di Sergio Crocco

E adesso andate via
voglio restare solo
vaju sulu all’Amantìa
mi butterò dal molo

Non chiesi mai chi eri
perché scegliesti me
mi ammuccio nei pensieri
di stà figur’ì mmè

Perdere il Comune
quando si fa sera
quando non sei immune
ed il lecchino si dispera

Rischi di impazzire
può scoppiarti il cuore
perdere stipendio
e avere voglia di morireLasciami gridare
vado alla Regione
voglio fare danni
pure da Governatore

Li farò cadere ad uno ad uno
gli odiatori in tono cosentino
sarò birbantino

Comunque ti capisco
che adesso te la ridi
facevo le mie scelte
leggevo poi a Carchidi

E adesso che la Corte
ha detto che è finita
che maledetta sorte
che toccherà a sta vita

Perdere il Comune
si fa buio pesto
quando mi è arrivata
la notizia del dissesto

Provi a ragionare
fai l’indifferente
dai la colpa sempre a chi c’è stato precedente

E poi metti in rima
pieno di livore
tra chi c’era prima
accuserai la Catizone

Respirare forte al quarto piano
dire è tutta colpa del destino
e del Commissario

Perdere il Comune
ci ho dei pentimenti
aver fatto tutti
chiri cazzi ì consulenti

Pensi che domani
è un giorno nuovo
ma ripeti non me l’aspettavo
non me l’aspettavo

Perdere il Comune
con i cosentini
chi period’ì merda
nun mi vò mancu Salvini

Farò cumu chiru di Salò
prendo testa e cuore e me ne andrò
fino a Catanzaro

Perdere il Comune.