Serie B, Cosenza-Ternana 3-1: al Marulla non si passa. In gol Bittante, Gori e Millico

11

Il Cosenza torna alla vittoria e batte con un netto 3-1 la lanciatissima Ternana chiarendo a tutti che al “Marulla” non si passa. Quella dei Lupi è stata una bella prova di forza, che arriva dopo un periodo di appannamento (1 punto in 3 partite) e chiarisce che si sta ritrovando convinzione e gioco. Zaffaroni può essere soddisfatto della sua squadra, visto che il Cosenza è stato cattivo sotto porta e ha subito segnato i due gol che in pratica hanno deciso la partita. Un micidiale uno-due tra il 3′ e l’8′ con un tiro deviato di Bittante e un guizzo di Gori che ha messo al tappeto la Ternana. Poi è stata brava la squadra di Lucarelli ad accorciare le distanze, ma i rossoblù si sono difesi in modo compatto per niente intimoriti e hanno colpito un palo clamoroso con il baby Florenzi, classe 2002, lanciato a sorpresa da Zaffaroni e tra i migliori in campo. Nella ripresa, i Lupi hanno contenuto abbastanza agevolmente la pressione della Ternana e al momento giusto è arrivata anche la zampata del subentrante Millico, che ha chiuso definitivamente i conti. Nel finale poi Vigorito para un rigore a Donnarumma.

Tutti bravissimi i giocatori su cui ha puntato Zaffaroni. Meriti particolari per Gori, che ha segnato anche oggi ed è arrivato già a quota 5, a testimonianza di una crescita sempre più importante. E anche per Caso, determinante nel propiziare il primo gol e per tutta una serie di belle iniziative. Ma se Gori e Caso hanno brillato il merito è stato anche di un pacchetto di centrocampo quasi perfetto. Palmieri e Carraro hanno dettato i tempi con autorità e qualità e Florenzi si è messo al loro servizio con personalità. Bene come al solito Situm mentre il rientro di Bittante (con gol) è forse la nota più bella della serata, visto che il Cosenza ha recuperato dopo tanto tempo uno dei suoi giocatori migliori. Su ottimi livelli e con poche sbavature il trio difensivo Rigione-Tiritiello-Pirrello. Vigorito ha fatto il suo e ci ha messo anche la ciliegina del calcio di rigore parato a un mostro sacro come Donnarumma.

LA CRONACA

3′ È bravissimo Caso a involarsi sulla destra, entrare in area e crossare sul secondo palo verso Bittante che tutto solo tira in porta trovando la deviazione vincente di uno sfortunato Ghiringhelli.

8′ Un colpo di testa a centrocampo di Carraro libera in profondità Gori che lascia scorrere e poi di sinistro conclude a rete raddoppiando il vantaggio per il Cosenza.

23′ Partipilo appoggia su Mazzocchi che si accentra e di sinistro tenta il tiro da fuori area, forte e angolato il pallone finisce in porta alle spalle di Vigorito.

30′ Fallo su Florenzi da parte di Paghera. Il calciatore del Cosenza stava per entrare in area dal lato sinistro del campo. Sugli sviluppi del calcio di punizione la palla arriva fuori area ancora a Florenzi che con il destro spedisce la palla sul palo! Poi Iannarilli blocca.

64′ Rete di Vincenzo Millico. La Ternana perde palla in uscita, ne approfitta Gori che dalla destra serve con un passaggio rasoterra Millico al centro dell’area. L’attaccante appena entrato al posto di Caso mette in rete.

COSENZA-TERNANA 3-1

COSENZA: Vigorito; Tiritiello, Rigione, Pirrello; Situm, Carraro, Palmiero (77′ Gerbo), Florenzi (61′ Anderson), Bittante (77′ Corsi); Gori (89′ Pandolfi), Caso (61′ Millico). A disposizione: Matosevic, Saracco, Kristoffersen, Venturi, Sy, Vallocchia, Minelli. All. Zaffaroni.

TERNANA : Iannarilli; Ghiringhelli (59′ Falletti), Boben, Capuano, Martella; Proietti, Paghera (59′ Palumbo); Partipilo (77′ Peralta), Mazzocchi, Salzano (59′ Defendi); Pettinari (72′ Donnarumma). A disposizione: Krapikas, Celli, Kontek, Furlan, Sorensen, Diakitè, Agazzi. All. Lucarelli.

ARBITRO: Colombo di Como (Mokhtar – Grossi). IV UFFICIALE: Leone di Barletta. VAR: Maresca di Napoli. AVAR: Margani di Latina.

MARCATORI: 3′ Bittante (C), 8′ Gori (C), 23′ Mazzocchi (T), 65′ Millico (C).

NOTE: Prima dell’inizio della gara il calciatore rossoblù Angelo Corsi ha deposto un mazzo di fiori sotto la curva Nord “Catena” per commemorare la scomparsa dello storico tifoso Raffaele Mandoliti. Spettatori presenti 3.149 di cui 70 ospiti (Incasso di € 26.547). Ammoniti: 67′ Anderson (C). Angoli: 0-2 (pt 0-1). Recupero: 0′ pt; 4′ + 4′ st.