Simy&Kargbo, Africa United: il Crotone insegna a fare mercato

FOTO ANDREA ROSITO

Il Crotone ha fatto centro in Africa e non solo con l’ormai collaudatissimo Simy, cercato anche da qualche “squadrone” come la Lazio, ma anche con il giovanissimo Kargbo, decisivo per la promozione in B della Reggiana. Anche il “ragazzino” ha tanto mercato, sia in A sia in B ma se fossimo nei panni di Stroppa e Ursino ci penseremmo bene prima di cederlo e infatti il tecnico vorrà vederlo all’opera nell’ormai vicinissimo ritiro silano. Nel frattempo, gli addetti ai lavori tessono le lodi dei due africani (che stanno godendosi insieme in Portogallo gli ultimi giorni di vacanza) ed esaltano giustamente il modus operandi della dirigenza del Crotone. 

di Furio Zara

Fonte: calciomercato.com

Africa United. Gol dall’altro mondo: nei nostri tornei di B e C si sono messi in luce due attaccanti africani, uno, Simy, va per i trenta, ha accumulato sufficiente esperienza per sperare di fare il salto di qualità, l’altro, Kargbo, è un ventenne che ruba l’occhio, come una stellina che brilla, è una promessa da mantenere. Percorsi diversi, un club che li unisce: Crotone. Scopriamo il perché.A Lagos c’è un detto: se nasci qui, la cosa migliore da fare è andartene. Destino di molti, compreso quello di Simy, capocannoniere della Serie B con 20 gol, primo africano a centrare l’obiettivo nella storia del torneo. Simy è altissimo, per gli almanacchi un gigante di due metri meno due centimetri, un centravanti extra-large che quest’anno ha segnato in tutti i modi, 20 gol fondamentali per riportare il Crotone in A dopo due anni. Simy è un nigeriano – etnia Igbo a Onitsha – di 28 anni e tiene in dote un nome lunghissimo, da snocciolare senza tirare il fiato: Simeon Tochukwu Nwankwo. E’ arrivato in Europa a 19 anni, per giocare in Portogallo. A scoprirlo nel 2017 è stato il ds del Crotone, Beppe Ursino, che ha colto in questo ragazzo dinoccolato qualità preziose: la confidenza con il gol, la capacità di fare reparto da solo, una buona propensione al sacrificio. Nei due anni di A ha segnato 10 reti (3 e 7, compresa la celebre rovesciata «alla Cristano Ronaldo» proprio contro la Juventus), nei due di B ne ha contabilizzate 34, le 20 di quest’anno e le 14 dell’anno scorso. La Lazio si è interessata a lui, il ds Tare ha già avviato i primi contatti col Crotone. E’ pronto per il salto di qualità.

Se Simy dovesse davvero trasferirsi alla Lazio, il Crotone – il suo sostituto – ce l’ha già in casa. Parliamo di Augustus Kargbo, 20 anni, della Sierra Leone, attaccante decisivo per la promozione della Reggio Audace fu Reggiana in Serie B, dove è finito in prestito per un anno: ne ha altri due di contratto con il Crotone, quello è il suo approdo. Kargbo in questa stagione ha segnato 10 gol, l’ultimo il più importante, nella finale play off contro il Bari. Il cartellino appartiene al Crotone e la sua destinazione potrebbe essere proprio la Serie A: un doppio salto – dalla C alla A – per questo ragazzo della Sierra Leone, cresciuto per le strade polverose di Grassfield, una cittadina nella cintura della capitale Freetown, tanto allegro fuori campo quanto feroce nel rettangolo di gioco. Se Simy è un «9» classico, Kargbo è invece un esterno rapido, una seconda punta abile nel cogliere spiragli di luce, somiglia un po’ a Oba Oba Martins, che anni fa vestì la maglia dell’Inter (ma il suo idolo è il connazionale Kallon). A scoprirlo sono stati i dirigenti del Campobasso, che l’hanno portato in Italia appena 17enne. Kargbo ha vissuto in una casa-famiglia e – nonostante i molti impicci burocratici – non ha mai smesso di sognare un futuro migliore, per sé e per i suoi familiari, la mamma e due fratelli, rimasti in Sierra Leone. Quel futuro oggi è arrivato.