Il Cosenza ritrova Bisoli a Bolzano: “Se me lo dicevi prima…”

Per compiere un’impresa… da Dio, a Pierpaolo Bisoli – il più umano dello star system calcistico – sono stati sufficienti 92 giorni. Dal 17 febbraio al 20 maggio. L’emiliano ha chiuso da eroe il suo percorso cosentino e non lo rinnega. Anzi, tutt’altro. Ma sabato le strade del Cosenza e di Bisoli, oggi allenatore del Sud Tirol, reduce da due vittorie consecutive, tornano a incontrarsi ed è inevitabile parlare del recentissimo passato.

Rimane un pizzico di rammarico per quel periodo di incertezza che si sarebbe potuto evitare: «Non ho sentito nessuno per venti giorni, mi è stato chiesto di aspettare e così è stato. Non mi pento di nulla ma un pizzico di rispetto in più per l’uomo lo pretenderei. Se non c’era la volontà di proseguire con me, bastava essere sinceri fin da subito. Finiscono tutte le storie, lo avrei accettato».

L’attesa si è prolungata anche oltre quell’incontro di Bologna con il direttore sportivo Roberto Gemmi: «Siamo rimasti a parlare per venti minuti. Dopo quell’appuntamento, in cuor mio, ho capito che non sarei stato l’allenatore del Cosenza. Sostanzialmente non abbiamo parlato di nulla di concreto. Questa è la verità, so che è scomoda, ma è così. Ho sentito dire e visto scrivere tante bugie. Persino è stato detto che avrei chiesto 600 mila euro di ingaggio, non sono certamente uno scemo. In realtà non c’è mai stata nessuna domanda né tantomeno un’offerta. Un giorno, infine, sono stato chiamato da Guarascio, che mi ha spiegato la volontà di virare su un nuovo profilo. Una telefonata durata pochi istanti».

Bisoli si tiene stretto il ricordo della salvezza e di una piazza che lo ha accolto fin dal primo giorno : «Niente al mondo potrà mai cancellare le emozioni vissute. Auguro al Cosenza le migliori fortune, i tifosi hanno saputo emozionarmi come pochi. Ho promesso loro ci saremmo salvati attraverso il playout e ho mantenuto la mia parola malgrado nessuno fosse pronto a scommettere su di noi il becco di un centesimo. La gioia successiva alla vittoria con il Vicenza, l’entusiasmo e l’affetto che ho avvertito nei due giorni successivi e quel percorso in bici saranno per sempre custoditi. A Cosenza, conservo tanti amici. A cominciare dai dipendenti dell’hotel che dal primo giorno mi hanno fatto sentire a casa. Persone che mi sono rimaste dentro e che sento quotidianamente».

E naturalmente Zilli e Florenzi: «Soprattutto Zilli è una mia creatura e lo rivendico con forza. Prima, a momenti, faceva fatica a trovare spazio in Primavera. Penso invece sia stato uno dei massimi artefici del traguardo raggiunto. Su Florenzi non mi prendo tutti i meriti perché ha trovato spazio pure in precedenza, anche se è vero che con me è diventato un tassello centrale. Oltre alla salvezza nei miei mesi in rossoblù è stato costruito un patrimonio per il club».

Intanto, il Cosenza ha svolto una seduta di allenamento mattutina sul prato del centro sportivo Real Cosenza. I rossoblù, che proseguono la preparazione in vista della gara di sabato a Bolzano, hanno iniziato la seduta con esercizi di attivazione tecnica per proseguire poi con percorsi coordinativi ed esercitazioni di tattica collettiva in non possesso. Infine calciatori impegnati in una partita. Ha svolto allenamento differenziato Sauli Vaisanen, reduce dalla forte contusione rimediata nella gara con il Bari, e Ciro Panico che prosegue nel percorso di recupero dal risentimento muscolare che lo ha costretto al forfait sabato scorso. Anche domani allenamento mattutino e al termine della seduta (ore 12:00 circa) conferenza stampa del tecnico Davide Dionigi. La squadra lascerà Cosenza nel primo pomeriggio.