Nicotera. Uno peggio dell’altro: per favore, sciogliete il Comune

A Nicotera la notizia del giorno è che il gruppo di minoranza denominato “Movi@Vento” insieme alla Lega hanno presentato una mozione di sfiducia al sindaco Marasco, il quale, dopo neanche una settimana, aveva ritirato le sue dimissioni “irrevocabili” dopo l’annuncio dell’invio della Commissione d’accesso antimafia da parte del Ministero degli Interni. Che ormai è sul punto di concludere il suo lavoro e sta per consegnare la sua relazione al Viminale. Il sindaco aveva motivato il suo dietrofront con le incessanti (?) richieste dei cittadini… Al di là della facile ironia, qualcuno dovrebbe ricordare a Marasco che molto difficilmente il lavoro di una Commissione d’accesso si chiude senza sciogliere il Comune. E per Nicotera sarebbe la quarta volta…

Non ci interessa commentare la marcia indietro di un sindaco – sostenuto a suo tempo da un noto soggetto borderline come Mangialavori – ormai di fatto sfiduciato ma ci interessa molto di più commentare l’atteggiamento di chi, già quando era arrivata la notizia dell’arrivo della Commissione d’accesso, aveva gioito ed in realtà è molto peggio del sindaco sfiduciato (che già fa “schifo” di suo e dei suoi compari, sia chiaro!). E questa mozione di sfiducia potrebbe essere solo un modo per scongiurare lo scioglimento, che invece – vista la situazione – è l’unica soluzione per evitare che le ‘ndrine continuino a fare quello che vogliono… 

Di seguito, un post della giornalista nicoterese Enza Dell’Acqua scritto all’epoca dell’arrivo della Commissione di accesso agli atti del Comune di Nicotera. 

COMMISSIONE DI ACCESSO AGLI ATTI – COMUNE DI NICOTERA.
Gioire per l’arrivo della Commissione di accesso agli atti nel proprio comune di appartenenza è una cosa assai triste. È un sabotaggio di se stessi, prima ancora che del proprio paese. Non si può essere felici di tale procedimento prefettizio, perché spesso rappresenta l’anticamera dello scioglimento del mandato degli elettori. E un cittadino che ama davvero la propria città non può essere felice di un futuribile scioglimento. Se lo è, è perché non ama davvero la sua città, ma sicuramente antepone il proprio appagamento personale, per l’ennesima disfatta di Nicotera, al presunto interesse verso la città.

Gustare la soddisfazione per le dimissioni di un sindaco, pascere la propria antipatia verso questo o quell’amministratore, non ci rende buoni cittadini, ma gente priva di senso civico, che ha più a cuore la propria piccola rivalsa personale, al benessere totale del paese. Perché un sindaco che non ci piace sarebbe entusiasmante combatterlo con le armi della democrazia, della sana competizione elettorale, e non con la sgangherata e squallida euforia perché si è insediata una commissione di accesso che ce lo toglie di mezzo, indipendentemente dalle buone e giuste motivazioni che ha indotto un prefetto ad agire in tal modo.
Un sentimento di maligno compiacimento che diventa non so se più ridicolo o drammatico se viene da parte di soggetti che puzzano di mafia a tre kilometri di distanza come le fogne a cielo aperto che ammorbano l’aria. Prestanome di professione e zelanti faccendieri della ‘ndrina locale, incredibilmente ancora a piede libero.
Quindi di che gioite? Ché a voi non la commissione di accesso agli atti ci vorrebbe ma la detenzione al Costarelle.