sabato 24 Luglio 2021
Home CRONACA Nuovo decreto Covid, dal 5 agosto green pass per ristoranti al chiuso,...

Nuovo decreto Covid, dal 5 agosto green pass per ristoranti al chiuso, palestre, cinema. Trasporti (per ora) esclusi

Dal 5 agosto servirà il green pass per consumare nei bar e nei ristoranti al chiuso, così come per andare in palestra o al cinema: diventerà il lasciapassare per partecipare ad attività ed eventi durante la pandemia. Basterà, però, avere anche solo la prima dose di vaccino. È questo l’accordo trovato dal governo sul nuovo decreto Covid che è stato approvato in Consiglio dei ministri. Ora si attende la conferenza stampa del premier Mario Draghi con la Guardasigilli Marta Cartabia e il ministro della Salute Roberto Speranza. Il provvedimento stabilisce anche i nuovi parametri per il passaggio delle Regioni da una zona e all’altra. Inoltre, lo stato d’emergenza per il Covid dovrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Esclusi (per ora) trasporti e scuola – L’uso del green pass per accedere ai mezzi di trasporto pubblici – leggi bus e metro – non sarà invece inserito nel dl anti-Covid, “ma dovrà essere affrontato a stretto giro“: questa, a quanto apprende l’Adnkronos, la premessa che è stata fatta nel corso della cabina di regia che, prima del Cdm, ha delineato il quadro delle misure. L’obiettivo è introdurre l’obbligo a partire da settembre: sull’applicazione delle nuove regole Covid a trasporti, scuola e lavoro una nuova riunione della cabina di regia del governo potrebbe tenersi la prossima settimana. Nel decreto infatti non ci sarà nemmeno l’obbligo di vaccinazione per i docenti e i dipendenti della scuola.

Dove servirà il pass. Discoteche chiuse – L’obbligo del green pass entrerà in vigore dal 5 agosto, per dare il tempo agli esercenti di organizzarsi. Le discoteche invece resteranno chiuse. Nessun accesso, dunque, neanche per i possessori di green pass. La Lega in cabina di regia aveva insistito per l’apertura, con nuove regole. Il certificato verde – spiegano fonti governative – servirà per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti, ma non sarà invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso. Anche in palestra si entrerà solo se muniti di green pass. Senza si dovrà rinunciare a tutto lo sport al chiuso. Servirà il pass inoltre per l’accesso a teatri e cinema, spettacoli all’aperto, centri termalipiscine, fiere, congressi e concorsi. Certificato verde obbligatorio anche per partecipare ai concerti o entrare allo stadio: sono ancora in via di definizione le soglie di riempimento, perché non è stato trovato un accordo in cabina di regia.

La validità del certificato – Il green pass per accedere dal 5 agosto a locali, attività ed eventi sarà valido per chi abbia avuto almeno una dose di vaccino, abbia fatto un tampone negativo nelle 48 ore precedenti o sia guarito dal Covid nei sei mesi precedenti. Le Regioni nel corso del confronto con l’esecutivo che si è tenuto prima del Cdm hanno chiesto al governo di inviare quantitativi di vaccini adeguati all’aumento presunto delle richieste, in vista dell’introduzione estesa del green pass. Per chi ha il certificato verde ci sarà anche una riduzione della quarantena di 14 giorni in caso di contatto stretto con un positivo: non è stato ancora deciso di quanto verrà accorciata.I criteri per definire i colori – I nuovi parametri che determinano il passaggio di una Regione da una fascia all’altra sono stati resi meno stringenti rispetto alle previsioni: la soglia per il passaggio in zona gialla viene fissata al 10% di occupazione delle terapie intensive e al 15% per le ospedalizzazioni. Terapie intensive al 20% e aree mediche al 30% per diventare arancioni e rispettivamente al 30 e al 40% per entrare in zona rossa.

Aumenta la capienza – Arriva l’obbligo di Green pass per cinema e teatri, ma aumenta il numero di spettatori ammessi ad assistervi, sia al chiuso che all’aperto. In zona gialla si entrerà gli spettatori potranno salire all’aperto dagli attuali 1000 fino a un massimo di 2500 e al chiuso da 500 a 1000. Mentre in zona bianca, dove ora sono fissati limiti di capienza, viene fissato un tetto all’aperto di 5000 persone e al chiuso di 2500 persone. Anche grandi eventi, sia culturali che sportivi, avranno una percentuale a stabilire il limite di capienza, a fronte dell’ingresso con Green pass. Si sta discutendo ancora in Cdm delle soglie da fissare: l’ipotesi è tra il 25 e il 30% al chiuso e tra il 30% e il 50% all’aperto.